Etichette

giovedì 19 marzo 2015

L'Eclissi di Sole, Ostara e l'Equinozio di Primavera

Domani, 20 marzo 2015, comincia ufficialmente la Primavera, ma l'Equinozio non è l'unico avvenimento astronomico di questo giorno particolarmente speciale... Infatti, a dare inizio alle danze primaverili saranno il Sole e la Luna, che reggono da sempre le redini della nostra beneamata Terra, regalandoci uno spettacolo di rara bellezza, un'Eclissi parziale di Sole che si potrà vedere in tutta Italia a partire dalle 9:30 alle 11:45. Ma non finisce qui, nossignori! Domani sarà anche Luna Nuova, e il Sole entra nel primo segno dello zodiaco, l'Ariete!
Cosa dobbiamo aspettarci, dunque, da una giornata così carica di avvenimenti astrologici?
Forse non tutti ne sono consapevoli, forse non sempre ce ne rendiamo conto, ma quello che ci sta intorno, i pianeti, le stelle e i satelliti, influenzano la nostra vita molto più di quanto immaginiamo. 
L'Equinozio di Primavera, chiamato anche Ostara dai neopagani e Alban Eiler ("Luce della Terra") dai Celti, segna un momento di rinascita, di ritorno alla vita dopo i lunghi mesi invernali. La Primavera ci porta a uscire dal guscio in cui siamo rimasti chiusi nei mesi passati al freddo, nell'attesa di schiuderci anche noi come le gemme che spuntano sugli alberi e i boccioli che pian piano si aprono tingendo i prati di mille colori.
L'Equinozio porta equilibrio tra la notte e il giorno, tra la morte e la vita, tra il buio e la luce. Ci invita a esplorare la vita, a essere di nuovo socievoli ed estroversi, a concentrarci sugli altri, a essere creativi come Madre Natura, che ogni giorno inventa qualcosa di diverso per sorprendere i nostri occhi, attenti e incuriositi dagli evidenti cambiamenti stagionali. 
La Primavera celebra la fertilità della terra, la vitale potenzialità nascosta nel seme e nelle uova. E' questo il tempo delle prime semine nei campi per assicurarsi un abbondante raccolto nei mesi estivi, è questo il periodo in cui le galline tornano a fare le uova dopo la pausa invernale e arrivano anche i primi pulcini. E l'uovo, con il suo tuorlo così rosso, tondo e pieno, ricorda la vitalità e la forza del Sole, che a partire dall'Equinozio di Primavera riacquista la supremazia sulle tenebre della notte.
Un altro simbolo di questo periodo sono i conigli, da sempre rinomati per la loro capacità di riprodursi. Il simbolo di fertilità del coniglio è associato alla terra e alla speranza che essa sia feconda per concederci i suoi succulenti frutti. I simboli di Ostara non sono diversi da quelli cristiani, in fondo, sono solo stati riadattati dalla chiesa. L'Equinozio di Primavera era festeggiato in tutta l'Europa meridionale, con riti propiziatori, falò e lodi al Sole, alla Terra e alla loro unione.
Se il tempo lo concede, è un giorno adatto ai pic nic all'aperto, alle passeggiate nella natura, ma è un giorno che racchiude in sé le potenzialità della vita, non dissimili da quelle del seme. L'Equinozio primaverile porta novità, cambiamento, rinnovamento e rinascita, e quest'anno coincide con la Luna Nuova, che rappresenta il passaggio tra il ciclo vecchio e quello nuovo, in perfetta armonia che le energie equinoziali. 
Quest'anno, tuttavia, un altro evento accentuerà le energie primaverili e lunari: l'Eclissi di Sole. Essa non fa che rimarcare i significati dell'Equinozio. L'Eclissi di Sole obbliga l'uomo a fermarsi, a fare una pausa a causa del buio che cala sulla Terra in pieno giorno. Ci sconvolge un po' i piani, eppure dalla simbolica lotta con la Luna, il Sole esce vittorioso. Esso rinasce dopo l'Eclissi così come rinascono la natura e le ore di luce a partire dall'Equinozio di Primavera. Questo raro evento astronomico porta un risveglio interiore e afferma le energie per un cambiamento in positivo.
Inoltre, entrando nel primo segno dello zodiaco, e cioè l'Ariete, il Sole rimarca la sua forza, la sua vitalità e l'inizio di un nuovo ciclo.
Tutto nel cielo fa presagire che un cambiamento in positivo potrebbe arrivare nelle nostre vite, le energie del rinnovamento e della rinascita sono tutte intorno a noi, basta saperle sfruttare a dovere.
Il seme ha tutte le potenzialità per diventare una pianta rigogliosa e carica di frutti, basta prendersene cura. Seminiamo dunque qualcosa di importante per la nostra anima, per il nostro cammino, in questo giorno favorevole e propizio, perché "chi semina raccoglie"!

Fonti:
Questo testo è stato scritto di mio pugno, attingendo dalla lettura di pagine online e testi di spiritualità e rielaborando le informazioni.

6 commenti:

  1. è dai tempi delle elementari che non mi capita di vedere un eclissi e domani avrò l'opportunità di vederlo mentre sarò a scuola non vedo l'ora sarà sicuramente emozionante *-* spero che la primavera porti nuove e buonissime opportunità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è lo stesso, non ricordo se fossero le elementari o la materna, comunque è passato un bel po' di tempo!
      Speriamo, dai, io ci credo molto ^_^

      Elimina
  2. Sempre molto interessanti i tuoi post Mirial cara. E che belle immagini ci regali. Buonissima primavera. Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pigmy! Che piacere ritrovarti tra queste mie pagine! Sei riuscita a commentare senza problemi questa volta? Spero di sì =)
      Grazie per i bei complimenti, un bacione anche a te!

      Elimina