Etichette

mercoledì 16 settembre 2015

L'Equinozio d'Autunno e Mabon, feste di ringraziamento e del raccolto

Settembre è uno dei mesi dell'anno che amo di più in assoluto.
Settembre è il mese in cui l'afa estiva cede pian piano il passo alle giornate più fresche, e anche i pensieri si fanno più lucidi, calmi.
Settembre tiene in mano la tavolozza dei colori che amo, caldi e avvolgenti come le coperte che compaiono sul letto, la sera. E' il mese dell'Equinozio d'Autunno, la mia stagione preferita, ed è il momento di riprendere in mano la tazza colma di tè e tisane al pomeriggio. E' in questo periodo che mi sento più ispirata, pronta a partorire nuove idee.
L'Equinozio d'Autunno si avvicina, siamo entrati ormai nella lunazione dell'Uva e il mondo intorno a noi ci parla, impariamo ad ascoltarlo.
Come saprete, nel giorno dell'Equinozio il giorno e la notte si equivalgono, ma, se in Primavera il Sole vinceva sulla notte, ora è il buio a dominare. Inizia dunque la parte oscura dell'anno, quella in cui anche noi, come succede alla natura, sentiamo il bisogno di ritirarci in noi stessi, nel calore delle nostre case. Nei mesi che seguiranno avremo modo di riflettere, di mettere in discussione alcuni aspetti del nostro carattere e della nostra vita per poi rinascere e uscire dal guscio con la bella stagione. L'Equinozio autunnale segna l'inizio del viaggio nel sé profondo, è tempo di bilanci, di equilibrio e di raccolto. 
Così come gli alberi lasciano cadere al suolo le foglie che non servono più, lasciamo andare anche noi tutto quello che non vogliamo portarci dietro nei mesi invernali di discesa agli inferi.
Con l'Autunno, Persefone abbandona la Terra e porta via con sé i colori, i frutti, i semi, per restituirceli in primavera più belli e più ricchi che mai. Facciamo dunque un bilancio di quello che abbiamo ricevuto e raccolto quest'anno e portiamolo con noi nella grotta del letargo invernale, culliamo e custodiamo le cose belle che ci sono accadute, i traguardi che abbiamo raggiunto, cosicché nei mesi primaverili questi semi possano sbocciare come fiori e dare nuovi frutti.
Dobbiamo ricordarci, tuttavia, che le foglie cadute dall'albero non sono morte invano, la pianta trasforma la morte in nuova vita e quelle foglie serviranno da concime, nutriranno le sue radici per rivivere nella linfa e nelle foglie che verranno. E' un ciclo infinito di vita-morte-vita, meraviglioso e colmo di magia, carico di speranza, al quale dovremmo ispirarci e trarre insegnamento, portandolo nelle nostre esistenze.
Impariamo da questa ruota che gira che non tutto il male viene per nuocere e che possiamo trasformare anche noi, come gli alberi, ciò che di negativo ci è accaduto per far sì che costituisca il nutrimento per la nostra rinascita.


Presso i Celti questa era la festa dedicata a Mabon, il dio della vegetazione e dei raccolti e il suo nome significa "Grande Sole". La leggenda vuole che all'età di soli tre anni fu rapito dal signore degli inferi per impedire alla sua luce di illuminare il mondo. Mabon non si diede per vinto e per tutto il tempo trascorso nel regno infero non fece altro che raccogliere tutte le sue forze, sia interiori che fisiche, perché sapeva che gli sarebbero servite una volta tornato sulla Terra per fecondarla e farla rinascere. Il mito di Mabon ricorda in tutto e per tutto quello greco di Demetra e sua figlia Persefone. Quest'ultima fu rapita da Ade, il dio degli Inferi, con grande dolore di Demetra. Addolorata per la perdita della figlia, Demetra si rifiutò di far fiorire e fruttificare la terra, finché Zeus non riuscì a convincere Ade a restituire Persefone alla madre. La giovane dea, tuttavia, aveva mangiato il melograno, frutto dell'altromondo, e per questo motivo sarebbe stata obbligata a trascorrere tre mesi all'anno con Ade.
Come insegnano questi miti e la loro simbologia, l'Equinozio d'Autunno e le feste a esso collegate rappresentano il momento del seme; la natura rallenta il suo ritmo fino a fermarsi, i semi che sono stati accolti nel grembo di Madre Natura resteranno protetti nei mesi invernali per poi rinascere, rifiorire e fruttificare di nuovo. L'Autunno è anche il tempo della vendemmia e del vino; la trasformazione dell'uva ribadisce i significati simbolici del periodo analizzati nei miti: così come Persefone e Mabon, il succo dell'uva deve rimanere al buio per poter fermentare. Un tempo la vendemmia veniva accompagnata da veri e propri rituali che rimandavano alle iniziazioni. 
L'Equinozio d'Autunno è considerato una festa di ringraziamento: si rende grazie alla Natura dei doni ricevuti durante l'anno, sia quelli materiali che spirituali, ma è il momento di ringraziare anche gli antenati e i defunti per averci reso quello che siamo e averci donato la vita.
Per l'occasione potete svolgere rituali di purificazione per preparavi alla morte simbolica invernale, potete riflettere sui doni ricevuti e sulle negatività che volete abbandonare. Ringraziate la Natura donandole qualcosa, fatele delle offerte come frutti, semi o semplice acqua e pensate a quello che lei fa per noi ogni giorno. A tal proposito, potrebbe esservi utile leggere il post Benedizioni dei Quattro Elementi. Ringraziate e onorate anche i vostri antenati e le persone a voi care che non ci sono più, organizzate una cena tra amici portando in tavola frutta e ortaggi di stagione, fate escursioni in campagna e cogliete intorno a voi i cambiamenti della nuova stagione. 
Da bravi esseri umani moderni, spesso dimentichiamo quello che abbiamo; fermiamoci e pensiamoci su. Possiamo creare qualcosa di concreto, per ricordarci ogni giorno di tutto il bene che abbiamo ricevuto nelle nostre vite, scrivendo su delle strisce di carta ciò per cui siamo grati (una casa, una famiglia, la salute...), piegarli e metterli in un barattolo, oppure appenderli a una corda, di modo da non dimenticare di ringraziare sempre per ciò che ci è stato donato.

Fonti:
Scritto di mio pugno dopo la lettura dei seguenti testi
- Giardini incantati, Devon Scott
- Almanacco. Il tempo della magia, Devon Scott
- L'Arte della Strega, Dorothy Morrison
- Feste pagane, Roberto Fattore
- L'arte della magia, Phyllis Curott

2 commenti: